Il Comma 566 della Legge di Stabilità apre la porta ad un nuovo contenzioso e i medici di APM non ci stanno. “E’ necessario definire l’Atto Medico”.

APM ha individuato un rischio molto grave nel breve testo del comma 566 inserito nella Legge di Stabilità e ha indetto una petizione aperta a tutte le associazioni rappresentative del mondo medico. Il comma 566 in poche righe riscrive le norme che regolano le relazioni professionali fra i laureati in medicina e chirurgia e tutte le professioni sanitarie – si legge nel testo della petizione - Relazioni disciplinate sino ad oggi dalla legge 42/1999, che riconosceva per tutti i profili professionali lo stesso criterio limite, rappresentato dalle competenze previste per le professioni mediche.

Tale criterio è abbattuto per lasciare posto ad una grigia linea di confine, fra gli “atti complessi e specialistici di prevenzione, diagnosi, cura e terapia”, di competenza del medico, distinguendoli da atti semplici tutti da definire e che, secondo APM, se riguardano diagnosi e terapia non possono essere di competenza di altre professioni.

 Per quanto riguarda il riferimento alle responsabilità individuali e di equipe, gli argomenti utilizzati finora per chiarire, si rifanno puntualmente all’esempio di una squadra di calcio, dove tutti i giocatori partecipano ugualmente alla competizione. “Dal nostro punto di vista l’esempio non è calzante – spiega Riccardo Cassi portavoce di APM - Le equipe sanitarie non sono composte da elementi con la stessa formazione e le stesse competenze, quindi, il termine equipe dovrebbe essere meglio inteso come equipaggio, nell’ambito del quale si riconoscono il comandante e gli ufficiali e dove ognuno ha dei compiti ben precisi”.

Sport media,Running sport media,bridgemedia,bridge media,Running sportsadidas Yeezy Boost 350 V2 News, Colorways, Releases

 

Quando si lasciano dei compiti non assegnati o, peggio ancora, la cui attribuzione non è chiara per tutti, si aprono le porte ad una nuova forma di contenzioso. Per evitare questo rischio e porre fine al modo di procedere utilizzato sino ad ora, APM chiede: che si provveda a definire in maniera positiva le competenze del medico con un chiaro riferimento alla Definizione europea di Atto Medico adottata dall'Unione Europea dei Medici Specialisti (UEMS) e nella quale si riconoscono numerose Società scientifiche europee.

“Consapevoli del fatto, che la soluzione di questo problema debba passare attraverso una soluzione giusta e orientata alla tutela della salute dei cittadini – scrive ancora APM - chiediamo al Ministro della Salute di volersi fare parte attiva, insieme ai rappresentanti delle Regioni, per il superamento del comma 566, e che questo venga riassorbito in una normativa complessiva e coerente con i ruoli e la formazione dei professionisti, attraverso un reale confronto per rappresentare egualmente tutti i soggetti interessati alla soluzione di questo delicato problema”.

Scarica la petizione


ANDI

CIMO

CIMOP

FESMED

FIMMG

fimp

Sumai