Abroghiamo il comma 566
Alleanza per la Professione Medica scrive al Ministro Lorenzin

Dopo la sentenza del Tar del Lazio del 6 maggio scorso, in cui viene chiarito ampliamente che la clinica e l'assistenza non possono essere separate perché verrebbe a generare una confusione di ruolo e di responsabilità...a discapito del malato, APM scrive al Ministro della Salute per chiedere senza mezzi termini di avviare la procedura per la abrogazione del comma 566.
"A questo punto è inutile allungare ancora il dibattito su questo argomento - precisa il portavoce di APM, Riccardo Cassi - è da troppo tempo che si parla, si scrive, ma di fatti concreti neanche l'ombra. Tutte le riunioni ministeriali che prevedevano l'incontro con noi Medici sono state annullate e non più riconvocate. E' urgente a questo punto chiarire in maniera formale e definitiva il ruolo del medico come unico garante della salute del cittadino."
La recente presa di posizione della FNOMCEO e degli Ordini dei Medici in appoggio al DDL sull’atto medico, a cui APM aveva dato il suo sostegno sin dalla presentazione, devono far capire al mondo politico che i Medici non possono continuare ad essere marginalizzati ed esclusi dalla governance della tutela della salute.

 

Comunicato stampa allegato


ANDI

anpo

CIMO

CIMOP

FESMED

FIMMG

fimp

Sumai