Comunicato stampa

L’incontro dei vertici della FNOMCeO con le OO.SS. dei medici e odontoiatri ha sottolineato l’importanza dell’unità della categoria. I sindacati che si riconoscono in Alleanza per la Professione Medica condividono questo obiettivo e ritengono che i medici debbano rivendicare insieme ai cittadini che l’erogazione dei LEA avvenga integralmente in tutte le Regioni e con un adeguato livello di qualità e sicurezza delle cure.

Un numero adeguato di medici e odontoiatri, una formazione mirata alle specifiche attività e soprattutto una politica di sintesi nazionale di interessi assistenziali che coinvolga la responsabilità delle Regioni, appaiono le condizioni primarie per garantire la “doverosa erogazione” del diritto incomprimibile alla salute come previsto dalla vigente Costituzione a tutela dei cittadini.

Roma 1 febbraio 2017

Mysneakers,Sneakers Store,jordan Sneakers,latest jordan Sneakers,latest jordans,jordan release date,Nike air jordan Sneakers,Best jordan SneakersMens Nike Sneakers

APM scrive alla Lorenzin:

“Serve una strategia comune finalizzata alla sicurezza delle cure e alla valorizzazione della figura del medico”.

La questione dei Pronto Soccorso che nei primi giorni del 2017 è arrivata sulle pagine di cronaca di tutti i giornali, vede come capro espiatorio la figura del medico, a prescindere dal proprio ruolo, sia in ambito territoriale che ospedaliero, necessita di immediata chiarezza tra Medici e Istituzioni.

Già i ministri Madia e Lorenzin, in occasione dell’intesa sul rinnovo dei contratti pubblici, avevano posto particolare attenzione sulle figure professionali che operano in sanità in considerazione della loro peculiarità e indispensabilità al benessere della comunità. Nel comunicato congiunto le due ministre scrivevano che va posta “particolare attenzione alle figure professionali che, in considerazione della loro peculiarità, risultano indispensabili al benessere della comunità. tra le quali vi sono certamente quelle del settore sanitario”.

Per questo motivo è giunto il momento di un urgente incontro con il Ministro della Salute ed Alleanza per la Professione Medica, rappresentativa di oltre 90 mila medici italiani che lavorano nel pubblico, convenzionato, privato e libera professione.

Inoltre APM chiede che venga rispettato l’intento già espresso dalla Madia e dalla Lorenzin nel comunicato congiunto del 2 dicembre 2016 nel quale dichiaravano che “è indubbio che la Sanità rappresenti un contesto organizzativo rispetto al quale il contratto di lavoro di prossima definizione, dovrà rispondere in modo adeguato sia alle attese dei medici”.

E’ indispensabile condividere una strategia comune finalizzata alle necessità dei pazienti nell’ambito delle sicurezza delle cure, nella consapevolezza che il medico è in grado di fornire soluzioni idonee alla problematica.

Leggi il comunicato stampa in versione pdf

Leggi la lettera

Sportswear Design,Sports Shoes,Sports brands,Sportswear free shipping,buy footwear,Nike footwear,Adidas footwear,Asics footwear【国内12月14日発売予定】ナイキ エア モア アップテンポ ブラック/ホワイト-ブラック (414962-002) - スニーカーウォーズ

APM scrive al Ministro Lorenzin

E’ necessario riaprire il dialogo bruscamente interrotto a luglio.

Le sigle sindacali aderenti ad Alleanza per la professione medica chiedono al Ministro di riaprire il confronto che è stato chiuso a luglio. “Le questioni da affrontare sono tante e tutte molto urgenti. Siamo arrivati ad un punto cruciale della questione medica che non giova più a nessuno rinviare – spiega Riccardo Cassi, portavoce di APM – Non si può continuare ad escludere le sigle sindacali dalle trattative con le Regioni e tutti i ministeri coinvolti nell’attuazione dell’articolo 22 del Patto della Salute e su tutte le questioni che riguardano la stagione contrattuale, la formazione e la governante delle strutture sanitarie. Il collasso del SSN è inevitabile se si continua ad essere miopi e a non voler affrontare questioni determinanti che da anni logorano la sanità pubblica”.

Apm chiede che venga al più presto riaperto il confronto su:

1) Valorizzazione della professione medica, riconoscendole il ruolo centrale nella prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione dei pazienti, nonché nella governance delle strutture sanitarie, ospedaliere e di medicina territoriale, assicurando l’autonomia tecnico-professionale e la correlata responsabilità

2) Coinvolgimento delle Organizzazioni Sindacali - con le Regioni, i Ministeri della Salute, dell’Istruzione, università e ricerca e dell’economia e delle finanze - nella stesura, relativamente all’attuazione del Patto della salute 2014/16, dell’art. 22, per ciò che riguarda gli sviluppi professionali di carriera, la valorizzazione delle risorse umane, i rapporti con le altre professioni sanitarie

3) Definizione delle tipologie di contratti flessibili compatibili con l’attività sanitaria all’interno della P.A., in coerenza con la disciplina UE di riferimento; percorsi di stabilizzazione graduale del personale precario; regolamentazione dei fenomeni di esternalizzazione delle attività sanitarie da parte delle strutture ospedaliere; verifica del tetto di spesa per il personale

4) Riforma del sistema di formazione, pre e post laurea, dei medici e dei dirigenti sanitari, in sinergia con il MIUR e il Ministero della salute

5) Avvio con la vigilanza dei ministeri competenti, previa definizione delle aree contrattuali e dell’atto di indirizzo, delle trattative per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro e dell’accordo collettivo nazionale, quali strumenti di governo e innovazione del sistema sanitario

6) Verifica con le Regioni e col Mef in sede di Conferenza Unificata dell’ambito applicativo del comma 236 della legge di stabilità 2016.

url clone,short url link,affiliate link trace, affiliate tracking url, spy offers,trace affiliate linkNike Air Jordan Retro 1 Red Black White - Buy Air Jordan 1 Retro (white / black / varsity red), Price: $60.85 - Air Jordan Shoes

CimoFesmed, Anpo-Ascoti-Fials Medici per il nuovo contratto chiedono l’incremento delle risorse e l’abrogazione delle norme che riducono i fondi.

Le tre organizzazioni sindacali mediche della dipendenza aderenti ad Alleanza per la Professione Medica, CIMO FESMED ANPO-ASCOTI-FIALS Medici, hanno verificato che non esistono le condizioni per l’avvio di una trattativa per il rinnovo del contratto di lavoro in assenza di un incremento delle risorse disponibili.
CIMO FESMED ed ANPO-ASCOTI- FIALS Medici sono coscienti che la ancora non risolta crisi economica del paese e l’inglobamento dei Medici del SSN all’interno della Dirigenza pubblica rendono difficile aumenti contrattuali adeguati al lavoro medico, evidenziano però che numerosi interventi normativi succedutisi dal 2010 hanno progressivamente ridotto i fondi destinati al riconoscimento del merito e delle progressive competenze, nonché delle condizioni di disagio lavorativi (turni notturni e orari per coprire le carenze di organico). Tutto questo associato alla perdita del 25% dei posti di Direttore di struttura che rappresentano l’apice della carriera.
CIMO FESMED ed ANPO-ASCOTI-FIALS Medici hanno concordato quindi che in assenza di norme nelle prossima legge di stabilità che,
incrementino le risorse messe a disposizione per il rinnovo contrattuale e che abroghino tutte le norme che riducono i fondi contrattuali, riportando alle regole sottoscritte nell’ultimo contratto di lavoro (maggio 2010), non esistono le condizioni per aprire le trattative per i rinnovi contrattuali.

Pertanto si confronteranno con le altre OO.SS. della categoria per proclamare insieme lo stato di agitazione e iniziative sindacali fino alla proclamazione di una o più giornate di sciopero.

Prof. Raffaele Perrone Donnorso (Anpo-Ascoti-Fials Medici)
Dott. Riccardo Cassi e Dott. Carmine Gigli (CimoFesmed)


Scarica il comunicato stampa in versione pdf

 

Running sneakers,Running Sneakers Store,Running Sneakers,latest Running Sneakers,latest Running,best Running shoes,best Running shoes brandnike

Autunno caldo per le sigle di Alleanza per la professione medica
APM pronta a riaprire la vertenza sanità
Dopo la pausa estiva l'assemblea di APM si è riunita ieri pomeriggio per decidere le attività del prossimo anno a partire da questo autunno.
I temi sul tavolo sono quelli della vertenza sanità e primo su tutti fermare l'ingerenza delle Regioni che attraverso gli atti d'indirizzo pensano di poter bypassare il confronto sul comma 566 tra le professioni sanitarie.
"Le Regioni fanno il loro gioco è evidente, ma noi di APM non possiamo più tollerare che le questioni che riguardano la sanità italiana e la sua sostenibilità, siano inasprite e bloccate solo ai fini di un risparmio economico", afferma Riccardo Cassi portavoce APM. 
"Ci aspettiamo che le questioni economiche non diventino lo scudo dietro cui nascondere la sostenibilità reale del Ssn, 
che è fatta si dai soldi ma anche dai tanti uomini e donne che lavorano quotidianamente al fianco dei pazienti per tutelare la salute pubblica".


In allegato il documento programmatico

Documento programmatico

Sport media,Running sport media,bridgemedia,bridge media,Running sportsAir Jordan 1

ANDI

CIMO

CIMOP

FESMED

FIMMG

fimp

Sumai